Attendere, operazione in corso...

ADIDA - Associazione Docenti Invisibili da abilitare

25.10.2016/ Renzi contro Giannini: chissà se si parlano...

Che il Governo Renzi fosse al capolinea, almeno nel mondo della scuola, era chiaro, visti gli effetti disastrosi della Legge 107. Ma dalla “squadra” di Renzi ci saremmo aspettati maggiore compattezza politica e una parvenza di coerenza, quella stessa spavalda boria alla quale ci hanno abituato, anche dopo fallimentari e antidemocratiche decisioni che hanno iniziato a cambiare il voto della scuola statale, all'insegna delle diseguaglianze tra docenti e della concentrazione di potere.
Mentre Renzi bacchetta il suo Ministro dell'istruzione, ammettendo gli errori di gestione e promettendo di mettere mano al sistema scolastico, la Giannini non demorde e conferma la linea assunta finora, ribadendo nuove regole per la formazione e il reclutamento e nuovi concorsi. Un braccio di ferro, quindi, che però risulta patetico se si pensa che è contestualizzato alla vigilia di un referendum costituzionale in cui il Primo Ministro, tradendo il mandato di rappresentare tutto il Paese, non soltanto se stesso, utilizza il suo ruolo preminente per sponsorizzare le ragioni del suo Governo e convincere tutti a sostenerlo. Oggi piange sul latte versato, pur avendo adottato, a suo tempo, durante l'iter di approvazione della riforma del sistema scolastico,  le stesse strategie: vendere lucciole per lanterne! Ma sappiamo che gli italiani hanno la memoria corta e che il dissesto nella scuola, causato da una legge parlamentare, con lo zampino del Governo, lo possono percepire solo gli addetti ai lavori, nonostante i disservizi subiti da tutti, per primi gli alunni delle scuole. Il Governo, volendo simulare la deresponsabilizzazione rispetto all'approvazione di una legge farsa, come la 107,  si spese a dismisura, per sostenerla ed oggi si spende a dismisura per riforme che ricadranno sulla testa di tutti i cittadini, utilizzando una logica inversa, ovvero facendo intravedere al mondo della scuola, per la precisione ai precari, una possibile correzione, un ripensamento, che odora di clientelismo. Non è che il Premier pensa di poter acquisire consensi riferendo che, forse, a dicembre, si potrebbe decidere se andare avanti o cambiare? Incommentabile come noi insegnanti precari siamo stati e siamo tuttora trattati, come incapaci di senso critico e di lungimiranza, come soggetti ai quali si può far bere una promessa, anche se posticipata ad un dopo referendum che potrà determinare la tenuta di questo Governo. Ma la tenuta è già in discussione, se Palazzo Chigi e Miur non remano dalla stessa parte e, mentre il Ministro Giannini mostra la sua consueta sicumera, il Primo Ministro cerca di smussare il dissenso facendo dimenare la solita carota. Certo, dopo essere stati stigmatizzati come asini, dopo gli esiti dell'ultimo concorso, la tentazione è forte ma temo per loro che potranno restare delusi, perché le vessazioni subite e le ingiustizie sono troppe e troppo gravi per poter essere cancellate con un colpo di matita copiativa!

Valeria Bruccola, Coordinatrice Nazionale Adida
ADIDA - Associazione Docenti Invisibili da abilitare
Sede presso lo studio commerciale Spugnini Via Igino Garbini n. 50 - 01100 Viterbo - Tel. Fax. +39 377 410.4112 - Codice Fiscale 95021260047