Aggiornamenti inserimento in GAE (Dallo studio legale)

Riportiamo aggiornamenti ricevuti dallo Studio Legale Bonetti.

“Gentilissimi,

Vi informo che, a seguito dei nostri numerosi solleciti e diffide inoltrate agli USP e USR, alcuni degli Uffici scolastici Provinciali hanno provveduto ad inoltrare al MIUR richieste di chiarimenti in merito alla natura della “riserva”.

Nello specifico si chiedono precisazioni sulla possibilità di poter stipulare contratti a tempo determinato o indeterminato essendo inseriti in GAE a seguito di un provvedimento cautelare come sostengo da tempo.

Il nostro studio già in diverse occasioni ha interpellato il M.I.U.R. in tal senso, facendo in modo che questo emanasse la nota del 20 maggio 2015 precisando le modalità di inserimento in GAE di tutti i docenti destinatari di provvedimenti del Giudice Amministrativo.

Come mero esempio, si fa riferimento alla missiva inoltrata al Ministero in cui l’USP di Salerno chiede delucidazioni sulla questione e, ovviamente, qualora il M.I.U.R. emanasse una nota in merito questa avrebbe effetti su tutti i ricorrenti.

In questi ultimi giorni ho notato una giusta preoccupazione tra di Voi e condivido la necessità di definire il prima possibile questa abnorme interpretazione portata avanti dagli Uffici scolastici sulla riserva cautelare unicamente ricondotta alla riserva dell’art. 6 comma 6 del D.M. e che, di fatto, ostacola l’attribuzione di contratti a tempo determinato e indeterminato.

Per questo attenderò ancora 7 giorni, allo scadere dei quali avanzerò una denuncia-querela alla Procura della Repubblica (che, mi auguro, molti di Voi vogliano firmare unitamente alle associazioni) oltre a una serie di giudizi di ottemperanza.

In questi giorni, e già dalla giornata di domani, sono stati presi contatti per il depositi di interrogazioni al Governo su questa indegna vicenda.

Vi chiedo un ennesimo gesto di fiducia nei confronti di chi ha già vinto e che sino ad oggi ha cercato di mantenere un profilo elevato evitando speculazioni. Solo qualora necessario Vi comunicheremo di procedere eventualmente anche versando, purtroppo, un piccolo fondo spese.

Ovviamente il tutto sarà rivolto a chi non è entrato in GAE (poiché molti Uffici scolastici di giorno in giorno, a seguito delle nostre diffide stanno capitolando) e diverso è il caso di chi non si vede attribuito un punteggio corretto, questa situazione andrà prima affrontata con il modulo di autotutela ( che trovate a questo link http://www.avvocatomichelebonetti.it/index.php/primo-piano/item/1208-gli-uffici-scolastici-inseriscono-in-gae-i-nostri-ricorrenti) e poi eventualmente rimandando la domanda (il cui modulo è rintracciabile sui siti delle associazioni) con tutti gli incarichi corretti, sulla scia di quanto richiesto da alcuni USP. Solo all’esito, se proseguiranno in tale illegittimità, si potrà valutare congiuntamente e agire in giudizio.

Vi terremo aggiornati.

 

I miei migliori saluti”

 

 

 

Vi Invitiamo alla massima condivisione.

 

Il Direttivo